Secondo una nuova ricerca sono utili per proteggere la salute cardiaca maschile

Anche l’alimentazione aiuta a difendersi dagli effetti dell’inquinamento con cui deve fare i conti la salute. A darne prova è uno studio presentato da Jia Zhong, studente dell’Harvard School of Public Health di Boston, all’American Heart Association’s Scientific Sessions 2014 di Chicago. Secondo i suoi risultati un’assunzione elevata di flavonoidi protegge il cuore maschile dai rischi associati proprio all’inquinamento dell’aria.

Lo studio presentato da Zhong ha previsto di monitorare per 11 anni la salute di 573 anziani. I dati raccolti hanno svelato che un aumento per 48 ore dei livelli medi di particelle inquinanti presenti nell’aria aumenta lavariabilità della frequenza cardiaca, un indicatore sia del rischio di trovarsi alle prese con un attacco di cuore, sia di quello di morire a causa di problemi cardiaci. Il rischio è particolarmente elevato per gli uomini caratterizzati da una variante più forte di una proteina – il toll-like receptor 2 – che informa il sistema immunitario della presenza di sostanze estranee, mentre è ridotto nel caso in cui si segua un’alimentazione ricca di flavonoidi, la cui assunzione è risultata associata anche a una riduzione della risposta immunitaria scatenata all’inquinamento.

Secondo i ricercatori queste molecole potrebbero proteggere il cuore intervenendo nella regolazione della risposta immunitaria alla presenza di particelle inquinanti nell’aria. Ma quali sono gli alimenti che permettono di farne rifornimento? La frutta e la verdura, ma non solo. Per la gioia dei buongustai, anche cioccolato e vino ne sono ricchi. Attenzione, però, a non esagerare: i rischi per la salute di un consumo eccessivo di dolci e alcol potrebbero superare di gran lungo i benefici esercitati dai flavonoidi.